Come ottenere l’apparecchio acustico attraverso le agevolazioni del Servizio Sanitario Nazionale

Come ottenere l’apparecchio acustico attraverso le agevolazioni del Servizio Sanitario Nazionale

L’acquisto di un apparecchio acustico può comportare costi importanti, eppure esiste un modo per averlo con spesa totale o parziale a carico del Servizio Sanitario Nazionale: attraverso l’ottenimento del contributo dell’SSN per l’acquisto di apparecchi acustici. Il centro acustico Sentire è convenzionato con le ASL del territorio per poter fornire gli apparecchi acustici gratuitamente agli aventi diritto, secondo le disposizioni del Ministero della Salute. Per beneficiare del contributo previsto a tutte le persone con problemi di udito, i professionisti del centro Sentire supportano i clienti nel percorso per ottenere l’apparecchio senza alcuna spesa.

Per ottenere un apparecchio acustico gratuitamente o in maniera agevolata è necessario recarsi dal proprio medico di base che concederà l’impegnativa per una visita ORL. È necessario fissare l’appuntamento per la visita tramite il centro prenotazioni CUP. Lo specialista sottoporrà il paziente a tutti gli esami necessari poi, in base alla prescrizione medica, l’audioprotesista redigerà il preventivo di spesa.

Quali sono i casi in cui si ha diritto al contributo per la fornitura dell’apparecchio acustico?

  • Gli invalidi civili cui è stata riconosciuta una ridotta capacità lavorativa di almeno un terzo e l’ipoacusia risulti nel verbale di accertamento tra le cause invalidanti.
  • Invalidi civili non in età lavorativa che per sommatoria delle patologie, compresa l’ipoacusia, arrivano ad avere riconosciuta una invalidità superiore al 33,3%.
  • Gli invalidi con una percentuale del 100% che necessitano dell’intervento protesico. In tali casi, non essendo possibile procedere con una richiesta di aggravamento dello stato invalidante, dovrà richiedersi l’inserimento dell’ipoacusia tra le cause di invalidità, ai fini dell’accesso alla fornitura.
  • Invalidi del lavoro ai quali i dispositivi vengono erogati dall’INAIL, secondo le modalità stabilite dall’Istituto stesso.
  • I minori indipendentemente dal grado di ipoacusia.
  • Gli invalidi di guerra e di servizio.
  • I ricoverati in strutture sanitarie accreditate, pubbliche e private.

(Fonte: Nomenclatore Tariffario. Documento emanato dal Ministero della Salute nel quale si stabiliscono le modalità di fornitura delle protesi a carico del Servizio Sanitario Nazionale.)

Qualora dovessero essere riscontrate le condizioni d’invalidità, dopo la visita, occorrerà presentare tutta la documentazione (prescrizione dell’apparecchio acustico con esame audiometrico in originale, preventivo compilato dall’Audioprotesista del centro acustico, fotocopia del verbale d’invalidità, fotocopia della tessera sanitaria, certificato di residenza) all’Ufficio Protesi e Ausili dell’ASL di residenza, per ottenere l’autorizzazione e recarsi poi nei centri specializzati e convenzionati. Dopo la verifica di conformità dell’apparecchio preventivato, l’ufficio competente concederà ed invierà via posta entro 20 giorni dall’inoltro della domanda l’autorizzazione. In caso di silenzio dell’ASL, trascorso tale termine, l’autorizzazione s’intende concessa.

Con l’autorizzazione rilasciata dall’Ufficio Protesi e Ausili, il paziente può rivolgersi al nostro audioprotesista che si occuperà di ordinare e di applicare l’apparecchio acustico.
Di solito gli apparecchi acustici forniti sono quelli standard, ma il cliente può scegliere, in accordo con l’audioprotesista, un apparecchio tecnologicamente ed esteticamente più sofisticato rispetto a quello previsto dal Sistema Sanitario Nazionale e sostenere il costo del conguaglio.

Il paziente dovrà tornare, entro 20 giorni dalla consegna dell’apparecchio acustico, dallo specialista che ha prescritto l’apparecchio per effettuare il collaudo. In questa sede viene verificata dal medico che l’ha prescritta la corretta protesizzazione e congruenza clinica. Il paziente potrà successivamente continuare il percorso di adattamento con il nostri specialista che seguirà con cura e attenzione le esigenze uditive del paziente.

Prenotate un appuntamento, per avere maggiori informazioni o per fissare un controllo gratuito dell’udito.

Vi ricordiamo che il nostro centro Sentire è convenzionato sia con l’SSN che con l’Inail.

#Sentire: qualità e professionalità per rendere la vita quotidiana più serena.