22/11/2020

Anziani, udito e distanziamento sociale: un aiuto dal vostro audiologo

L’udito al tempo del distanziamento sociale e delle mascherine: come è possibile aiutare gli anziani e le categorie più fragili ad interagire con i propri familiari o con il personale medico senza che si sentano esclusi o dimenticati?

I Centri Acustici Sentire vi sapranno dimostrare che chi ha una sordità più o meno grave può affrontarla serenamente, avendo al fianco un professionista in grado di riconoscere quale sia il problema e “settare” l’apparecchio acustico in modo da ovviare alle difficoltà di chi soffre di ipoacusia ed ha a che fare con l’uso della mascherina.

Infatti, con le misure imposte contro la diffusione del Coronavirus, poi, tra uso delle mascherine e distanziamento sociale, la sordità porta con sé ulteriori “complicazioni”. A vantaggio del paziente, vi sono però oggi la tecnologia in continua evoluzione, la ricerca scientifica e il servizio a domicilio offerto da #Sentire.

Le mascherine possono ridurre le frequenze nell’intervallo 2000-7000 Hz tra 3 e 12 dB a seconda del tipo di mascherina utilizzata dalla persona che sta parlando. Anche una persona normoacusica potrebbe sperimentare una riduzione dell’udibilità di circa il 30% in questa situazione. Ciò è poi aggravato dalla mancanza di segnali visivi, che tipicamente aiutano nella comprensione, anche in situazioni rumorose.

Dal punto di vista audiologico, questa nuova modalità richiede parametri specifici delle impostazioni dell’apparecchio acustico che sono cruciali per una comprensione ottimale del parlato, compensando efficacemente gli effetti acustici negativi della mascherina.

Il valore imprescindibile del lavoro dell’audiologo è l’ascolto delle esigenze delle persone che si rivolgono a noi di Sentire e la precisa personalizzazione delle protesi acustiche, settate “su misura” sulle abitudini e percezioni di chi le usa.

Una protesi acustica non testata o personalizzata male, può diventare fonte di fastidio e di disturbi, fino ad indurre chi la porta ad abbandonarla e a ritrovarsi escluso dagli altri.

Una protesi acustica è più di un abito su misura, è uno strumento che deve essere indossato tutti i giorni e che può essere aggiornato e sistemato secondo le esigenze quotidiane che questa situazione legata alla pandemia sta causando.

Noi di Sentire vi saremo accanto fin dal primo movimento, dedicandovi tempo, attenzione e professionalità sia nel corso di una prima visita che in quelle di controllo periodico, sia per la manutenzione che per l’assistenza anche a domicili, nel rispetto delle norme di sicurezza previste dal Dpcm governativo.

Il test dell’udito è gratuito e potete provare l’apparecchio per 30 giorni senza impegno, non esitate a contattarci per avere più informazioni.

Ricomincia a sentire la tua vita a tutto volume!

Contattaci ora per eseguire un test gratuito dell’udito o per provare uno dei nostri apparecchi acustici. Contattaci ora per maggiori informazioni!